Calibrazione

Calibrazione
Accreditamento dei laboratori

Calibrazione

La definizione di "calibrazione" è: "Il processo di aggiustamento delle registrazioni contabili per errori o distorsioni sistematiche". Questo aggiustamento garantirà che i report siano in accordo con i valori effettivi..

Che cos'è la calibrazione?

Calibrazione è un processo attraverso il quale la produzione di strumenti e apparecchiature utilizzati in un determinato campo viene resa comparabile a quella di altri strumenti e apparecchiature. In genere, questo viene effettuato utilizzando oggetti noti le cui dimensioni sono già familiari a coloro che opereranno con gli strumenti e le apparecchiature.
Questi oggetti noti sono chiamati standard. Uno standard può anche essere un dispositivo già calibrato. Alcune apparecchiature possono essere calibrate confrontando le loro letture con standard già calibrati conservati nello stesso campo. Per esempio, le raffinerie di petrolio calibrano i loro misuratori con cisterne piene di mercurio per determinare le quantità di petrolio lavorate dalle loro operazioni.

In ambito scientifico, la calibrazione può essere effettuata utilizzando standard primari, come gli standard nazionali di ogni settore, oppure standard secondari che devono soddisfare determinati requisiti in modo da essere adatti all'uso come standard secondari o sussidiari. Standard come i termometri utilizzati nei laboratori di fisica sono esempi di standard secondari calibrati presso gli istituti nazionali di metrologia (INM). L'Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO) è un'organizzazione ampiamente riconosciuta che si occupa di definire le linee guida internazionali per la calibrazione delle misure tecnico-scientifiche.

Calibrazione

La calibrazione viene talvolta eseguita mediante confronto con uno strumento secondario che utilizza lo stesso metodo dello strumento primario, ma le cui letture sono già note; tale strumento viene chiamato standard di trasferimento. Potrebbe trattarsi di un voltmetro elettronico che legge nelle stesse unità di misura e utilizza la stessa scala di un voltmetro elettronico da calibrare o di un termometro di taratura nota utilizzato per calibrare un termometro di taratura sconosciuta.

In molti campi, la taratura viene effettuata per confronto con standard "tracciabili", sia nazionali (chiamati standard primari), sia internazionali (standard secondari). In quei campi che richiedono che gli strumenti siano riconducibili a standard nazionali o internazionali, spesso è necessaria una forma di ricalibrazione periodica per garantire che un particolare dispositivo soddisfi lo standard richiesto.

La calibrazione dà luogo a uno strumento "calibrato". Lo stato di calibrazione, o accuratezza sotto calibrazione, è chiamato "calibrazione". Una persona che ha il compito di eseguire l'operazione di calibrazione di uno strumento è chiamata calibratore; Queste persone sono impiegate da istituti di metrologia come gli NMI in molti Paesi del mondo. Questi istituti forniscono anche servizi di taratura per altre organizzazioni metrologiche e aziende registrate, in modo che possano tarare i propri strumenti e supervisionare l'attività di taratura svolta da laboratori e centri di prova accreditati.

Quali strumenti di misura devono essere calibrati?

Poiché i risultati della calibrazione si basano sugli strumenti utilizzati per eseguire l'operazione, la calibrazione di uno strumento deve essere controllata periodicamente. Nel campo della metrologia automatizzata, Questo viene fatto visitando dispositivi di misura selezionati (ad esempio, bilance, ecc.) con risultati noti e confrontando tali risultati con un master record tenuto da un istituto di metrologia. Strumenti manuali e automatizzati sono soggetti a costanti confronti con tali registri, in modo da garantire che le loro letture siano accurate e conformi agli standard internazionali.

La maggior parte delle tarature avviene presso gli istituti metrologici nazionali; tuttavia, alcuni strumenti possono necessitare di tarature speciali quando vengono utilizzati regolarmente in campi di attività specifici.

Calibrazione

Con quale frequenza avviene la calibrazione?

Molte misurazioni scientifiche vengono effettuate regolarmente, anche se in molti campi, la frequenza di queste calibrazioni è diversa per ogni tipo di strumentazione. In alcuni settori, come la metrologia e le tecnologie aerospaziali, è spesso richiesta la calibrazione a intervalli periodici (ad esempio, ogni anno).

Cosa si intende per "calibrazione corretta"?

La calibrazione può essere effettuata durante la produzione di uno strumento, facendo controllare a un tecnico della strumentazione che tutte le unità primarie dello strumento siano calibrate correttamente prima di essere spedite a destinazione. Può essere fatto anche durante la manutenzione ordinaria o la riparazione di uno strumento: un tecnico può controllare gli specchietti retrovisori laterali dell'auto prima di rimetterla in moto; o facendo stabilizzare la lampada da un elettricista quando si viene a ripararla.

Questi esempi dimostrano che la taratura non richiede necessariamente personale altamente qualificato, ma piuttosto chi è in grado di leggere gli strumenti e di applicare il proprio mestiere in modo abile e corretto, senza commettere errori nelle procedure o nelle misurazioni durante lo svolgimento del proprio lavoro.

La calibrazione corretta è stata considerata principalmente quella effettuata secondo le linee guida internazionali per la calibrazione di strumenti e apparecchiature scientifiche. Se si utilizzano determinati standard a scopo di test, è necessario garantire che tali standard sono adeguatamente calibrati prima di essere ottenuti da istituti di metrologia nazionali o internazionali. In genere i tempi di standardizzazione sono molto stretti.

Calibrazione e ISO 17025

Il ISO 17025 La norma ha stabilito i requisiti per i laboratori di taratura, al fine di stabilire la qualità del loro lavoro. Ciò avviene garantendo che abbiano soddisfatto una serie di requisiti rigorosi prima di qualificarsi come laboratorio registrato presso un ente di certificazione ISO, come il SIRIM. Se, ad esempio, un cliente richiede un'analisi a un laboratorio di questo tipo, può richiedere (o pretendere) la prova che gli standard di taratura utilizzati siano riconducibili a standard primari. Per garantire ciò, la norma ISO 17025 richiede ai laboratori di taratura di ricalibrare periodicamente (ogni pochi anni) le loro apparecchiature.

Quali fattori influenzano la qualità della calibrazione?

In generale, la qualità di ogni attività dipende dal modo in cui viene eseguita. I fattori principali che incidono sulla qualità delle tarature sono gli errori commessi durante le attività di misurazione; tali errori possono derivare da errori di lettura o da una lettura errata di strumenti o apparecchiature. Un ulteriore fattore potrebbe essere l'errore derivante dalla taratura degli strumenti presso organizzazioni non accreditate o istituzioni diverse da quelle accreditate dal SIRIM secondo gli standard ISO 17025:2017.

In conclusione, una buona taratura è una taratura eseguita correttamente e questo richiede non solo competenze metrologiche, ma anche ingegneristiche. La qualità della taratura dipende principalmente dal modo in cui viene eseguita. I principali fattori che incidono sulla qualità delle tarature sono gli errori commessi durante le attività di misura e la taratura degli strumenti presso organizzazioni non accreditate o istituzioni diverse da quelle accreditate dal SIRIM secondo gli standard ISO 17025:2017.

Condividere sui social media

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 10 =

Ottenete il nostro Ebook gratuito

ISO 17025 2017 nuova revisione

Le vostre informazioni non saranno mai condivise con terzi.