Audit interno per ISO 17025

Audit interno per ISO 17025
Accreditamento dei laboratori / Senza categoria

Audit interno per ISO 17025

Fasi, calendario e componenti chiave di un audit interno per ISO 17025

La ISO 17025 richiede un audit interno delle attività di un laboratorio. Un audit interno ha lo scopo di confermare che le operazioni di un laboratorio continuano a essere conformi alle norme di legge. Requisiti ISO/IEC 17025.

Allo stesso modo, un audit garantisce che il sistema di qualità soddisfi i requisiti della norma ISO/IEC 17025, gli enti normativi e l'accreditamento significativo per un determinato documento di criteri.

L'audit si accerta che tutti i livelli di lavoro ottimizzino o meno i requisiti del manuale di qualità del laboratorio e dei documenti correlati.

Pertanto, un audit interno individuerà eventuali non conformità. Un laboratorio può utilizzare queste informazioni per migliorare il proprio sistema di qualità e la propria competenza tecnica.

Componenti chiave di un audit interno:

  • Procedure
  • Pianificazione
  • Metodi
  • I fatti
  • Controlli
  • I rischi
  • Gestione

I laboratori devono progettare, condurre e seguire l'audit interno. Questo vale in particolare per la preparazione di un audit esterno.

Si noti che le raccomandazioni per la preparazione, la documentazione, l'esecuzione e il follow-up dell'audit sono scritte per i dipartimenti sottoposti ad audit, non per i revisori.

Le persone coinvolte in un audit interno

  • Proprietari - È necessario definire gli host o i proprietari complessivi.
  • Responsabili della qualità - Gestiscono gli audit interni verificando la conformità di un laboratorio ai requisiti ISO/IEC 17025. Valutano inoltre se un laboratorio segue le politiche, le procedure e i processi.
  • Revisori esterni - Verificano che un laboratorio operi in conformità alla norma ISO/IEC 17025. Gli auditor esterni possono provenire da enti di accreditamento o da clienti.
  • Personale di laboratorio - Il personale deve seguire le procedure relative alle responsabilità prima, durante e dopo gli audit interni ed esterni. Il personale deve inoltre seguire una formazione.

Fasi di un audit

  • Preparazione

La preparazione inizia con l'assegnazione di un host o proprietario generale per l'audit.

Il laboratorio nominerà anche un referente tecnico che avrà accesso per verificare se tutti i registri e la documentazione sono completi.

La preparazione comprende anche l'allestimento di un'area di lavoro per gli ispettori, la revisione del calendario, la preparazione e la formazione del personale.

Infine, questo è il momento giusto per informare tutte le persone coinvolte di ciò che accadrà durante l'audit.

  • Condotta

Questa fase mantiene un registro continuo dell'audit. Il laboratorio deve fornire delle copie, ma non dovrebbe dare via gli originali.

Ricordate di proteggere le informazioni proprietarie. Il laboratorio può farlo conservando tutti i documenti nell'area di lavoro.

Pertanto, è consigliabile conservare i duplicati di tutte le informazioni fornite ai revisori.

Questa fase deve accompagnare l'auditor in ogni momento. Siate collaborativi e cortesi, rispondendo alle domande quando vi vengono poste.

Per valutare i progressi compiuti, il laboratorio può organizzare riunioni giornaliere di debriefing. Adottare immediatamente misure correttive, se necessario.

  • Chiudere

Ci sono casi in cui potreste non essere in grado di rispondere alle domande. In tal caso, è accettabile essere aperti con l'auditor sull'impossibilità di fornire risposte.

Allo stesso modo, questa è l'occasione per chiarire eventuali dubbi o cause di malcontento nella riunione di uscita.

  • Seguito

Questa fase comprende lo sviluppo di piani d'azione correttivi e preventivi. Questa fase comprende i proprietari, i programmi, i compiti e i risultati. Infine, è necessario tenere sotto controllo il piano.

Programma di audit interno

Un audit interno deve seguire un programma prestabilito per portare a termine tutte le attività in un arco di tempo ragionevole.

Deve essere un audit mensile o trimestrale. In questo modo, non sarà difficile verificare tutte le attività o le parti di un sistema di qualità in un unico audit.

Un audit orizzontale ispeziona ogni aspetto di un singolo requisito, come ad esempio le apparecchiature.

Nel frattempo, un audit verticale può valutare la conformità di un singolo test attraverso tutte le fasi, dal campionamento all'archiviazione delle registrazioni.

È il momento di pianificare un audit interno

Un audit interno non ha lo scopo di complicare le cose. Non ha lo scopo di spaventare i vostri dipendenti.

Il suo obiettivo principale è quello di preparare il laboratorio a un audit esterno.

QSE Academy vuole sostenere questo obiettivo. I nostri kit di strumenti e ISO 17025 I consulenti sono qui per assicurarsi che tutte le fasi del vostro audit interno siano eseguite con facilità.

Per ulteriori informazioni su ISO 17025 audit, si prega di fare riferimento ai nostri pacchetti e ad altri post del blog.

Condividere sui social media

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 7 =

Ottenete il nostro Ebook gratuito

ISO 17025 2017 nuova revisione

Le vostre informazioni non saranno mai condivise con terzi.