Vista delle normative Asean sui cosmetici

Panoramica delle normative Asean sui cosmetici
Industria cosmetica

Panoramica delle normative Asean sui cosmetici

Il gruppo regionale noto come l'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN) è costituito da dieci Paesi dell'Asia meridionale, che sono;

  • Vietnam
  • Thailandia
  • Singapore
  • Filippine
  • Myanmar
  • Malesia
  • Laos
  • Indonesia
  • Cambogia
  • Brunei

L'ASEAN, fin dalla sua nascita, si è adoperata per sviluppare una regione che sia economicamente competitivo attraverso la competenza, la conoscenza, la condivisione di informazioni e la cooperazione. Inoltre, ha creato un sistema dia Comunità economica dell'Asean (AEC) nel 2015, che aveva il compito di facilitare il commercio tra queste nazioni, di creare un mercato comune e tra il blocco ASEAN e altre giurisdizioni e Paesi regionali.

Le funzioni dell'Asean differiscono leggermente da quelle dell'UE. Questo perché legislazione ha effetto vincolante, ma non ha potere esecutivo fino a quando uno dei Paesi membri non approva e poi implementa uno specifico elemento legislativo come parte delle proprie leggi nazionali.

Struttura cosmetica 

Per armonizzare il in tutti i paesi membri nel settore dei cosmetici. l'industria, il Comitato ASEAN per gli standard e la qualità (ACCSQ) ha creato il Gruppo di lavoro dell'ASEAN Cosmetic Committee (ACC) per governare questo settore. Insieme al Cosmetica scientifica ASEAN Organismo (ASCB), Questo gruppo si è riunito nel corso dell'anno per scambiare informazioni e giungere a un accordo su un quadro di armonizzazione.

La direttiva ASEAN sui cosmetici (ACD) è una struttura che inizialmente è stata pato nel 2008 per affrontare diverse questioni relative all'importazione, alla produzione e alla vendita di prodotti cosmetici. L'accordo è stato modificato più volte sulla base degli accordi presi dai Paesi membri durante le riunioni dell'ASCB.

Il nucleo di L'ACD prende in prestito numerose caratteristiche dal quadro normativo dell'UE, tra cui spiccano i diversi elenchi di ingredienti del Regolamenti sui prodotti cosmetici (CPR). Tuttavia, l'ACD, a differenza del CPR, di solito non è direttamente applicabile nei Paesi membri. Mentre l'implementazione delle modifiche all'ACD è stata concordata tra tutti gli Stati membri, la variazione nella sua esecuzione può creare un quadro normativo e applicativo disomogeneo tra le diverse giurisdizioni.

Definizione di prodotti cosmetici 

La definizione dicosmeticoSecondo l'ACD, il prodotto è identico a quello presente in RCPcioè,

"qualsiasi sostanza o preparato destinato a essere messo a contatto con le varie parti esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero, unghie, labbra e organi genitali esterni) o con i denti e le mucose della cavità orale allo scopo esclusivo o prevalente di pulirli, profumarli, modificarne l'aspetto e o correggere gli odori corporei e/o proteggerli o mantenerli in buono stato".

L'allegato I dell'ACD offre questi tipi di prodotti solitamente considerati come prodotti cosmetici;

  • Maschere per il viso, ad eccezione dei prodotti per il peeling chimico
  • Emulsioni, creme, gel, lozioni e oli per la pelle, come viso, mani e piedi.
  • Basi colorate come polveri, paste e liquidi
  • Saponi deodoranti e saponi da toilette
  • Polveri per il dopobagno, polveri per l'igiene e polveri per il trucco
  • Depilatori
  • Preparati per la doccia e il bagno, compresi schiume, lamelle, gel e olii
  • Acque da toilette, profumi e acque di colonia
  • Impostazione dei prodotti
  • Antitraspiranti e deodoranti
  • Prodotti per la cura dei capelli
  • Prodotti per raddrizzare, fissare e ondulare
  • Decoloranti e tinte per capelli
  • Prodotti per parrucchieri (lacche, brillantina e lozioni)
  • Prodotti destinati all'applicazione sulle labbra
  • Prodotti per la rasatura, ad esempio schiume, lozioni e creme
  • Prodotti condizionanti (oli, lozioni e creme)
  • Decoloranti e tinte per capelli
  • Prodotti per il trucco e la cura delle unghie
  • Prodotti per la cura della bocca e dei denti
  • Prodotti per l'applicazione del trucco e per la sua rimozione da occhi e viso.
  • Prodotti per la pulizia (shampoo, polveri e lozioni)
  • Prodotti antirughe
  • Prodotti per l'abbronzatura
  • Prodotti per l'igiene intima esterna
  • Prodotti per l'abbronzatura senza sole; e
  • Prodotti per lo sbiancamento della pelle

Elenco degli ingredienti 

L'ACD include diversi elementi che sono vietati, limitati o consentiti in numerosi prodotti cosmetici. Questi elenchi si trovano in numerosi allegati dell'ACD, tra cui;

  • Allegato II, parte 1: Sostanze che non devono far parte della composizione dei prodotti cosmetici
  • Allegato III, parte 1: sostanze che non devono mai essere contenute nei prodotti cosmetici, ma che sono soggette a condizioni e restrizioni
  • Allegato IV, parte 1: Coloranti di cui è consentito l'uso nei prodotti cosmetici
  • Allegato VI: conservanti consentiti e
  • Allegato VII: filtri UV consentiti

Contaminanti

Tutti prodotti cosmetici venduti all'interno della regione Asean. non contenere arsenico, piombo o mercurio, ad eccezione delle impurità inevitabili. Quando vengono analizzate le impurità con il metodo cosmetico ASEAN (ACM), non devono superare i seguenti limiti;

  • Mercurio; non più di 1mg/L o 1mg/kg (1 ppm)
  • Piombo; non più di 20mg/L o 20mg/kg (20 ppm)
  • Arsenico; non più di 5mg/L o 5mg/kg (5 ppm)

Cadmio è anch'essa soggetta a queste restrizioni che non superano i 5mg/L o 5mg/kg (5 ppm). In Thailandia, questa restrizione è ancora più severa: 3mg/L o 3mg/kg (3 ppm).

Qualsiasi prodotto da utilizzare da bambini di età inferiore ai tre anni o per l'uso intorno alle membrane mucose o agli occhi deve superare un totale di 500 unità formanti colonie (CFU)/g per evitare la contaminazione biologica.

Questo limite è solitamente di 1.000 UFC/g per altri prodotti. Inoltre, ogni prodotto deve risultare negativo per 0,1 ml o 0,1 g di campione per S. aureus, C. albicans e P. aeruginosa. Per ulteriori informazioni, consultare le "Linee guida ASEAN sui limiti dei contaminanti per i cosmetici".

Implementate l'ISO 22716 con noi
Implementare la norma ISO 22716

Requisiti di etichettatura 

Oltre agli allegati, come già detto, l'ACD contiene anche diverse appendici che offrono regole e indicazioni aggiuntive, tra cui l'etichettatura. L'Appendice II indica i requisiti per l'etichettatura dei cosmetici e stabilisce la linea di base per l'etichettatura dei prodotti cosmetici. Questa è tuttavia soggetta a condizioni aggiuntive da parte dei singoli Paesi.

Tutti i prodotti venduti nel mercato dell'ASEAN devono contenere i seguenti elementi;

  • Nome del prodotto cosmetico e della sua funzione
  • Istruzioni per l'uso
  • Un elenco completo degli ingredienti (in ordine decrescente di peso al momento dell'aggiunta)
  • Paese di produzione
  • Numero di lotto
  • Data di scadenza
  • Precauzioni speciali; e
  • Nome e indirizzo dell'ente che lo fornisce sul mercato nazionale

Quando si tratta di nomi di ingredienti cosmetici, l'ACD solitamente cede ad altri riferimenti globali, tra cui;

  • Farmacopea britannica
  • Cas
  • Nomenclatura internazionale degli ingredienti cosmetici (INCI); e
  • Farmacopea statunitense

I produttori, gli importatori e i proprietari di marchi cosmetici devono consultare l'Appendice II e le disposizioni degli Stati membri per confermare che le etichette sono conformi ai requisiti stabiliti dalla nazione specifica in cui il prodotto sarà commercializzato.

I prodotti per la protezione solare o qualsiasi dichiarazione di avere tali attributi devono contenere ulteriori dichiarazioni di etichettatura. Alcune di queste dichiarazioni si applicano solo a prodotti specifici, mentre altre si applicano a tutti i prodotti. Per ulteriori informazioni al riguardo, consultare l'elenco dell'Allegato VII o i filtri UV accettati, nonché "Linee guida ASEAN sull'etichettatura delle creme solari".

Rivendicazioni del prodotto 

L'Appendice III dell'ACD contiene le procedure per la formulazione delle indicazioni sul prodotto. Questi requisiti, che devono essere dichiarati esplicitamente, comprendono;

  • I prodotti cosmetici non devono essere presentati come prodotti per la prevenzione o il trattamento di un'infezione negli esseri umani" o
  • I prodotti destinati a essere iniettati, ingeriti o messi a contatto con altre parti del corpo umano, ad esempio i genitali interni o le membrane mucose della cavità nasale, di solito non sono considerati prodotti cosmetici".

Sebbene l'Appendice III non sia esaustiva, include numerosi esempi di indicazioni intollerabili. Allo stesso modo, tutti i prodotti che dichiarano di contenere proprietà UV o protezione solare devono includere dichiarazioni di etichettatura appropriate.

Registrazione del prodotto 

L'"Accordo sul sistema armonizzato di regolamentazione dei cosmetici dell'ASEAN" stabilisce che i Paesi membri dell'ASEAN si impegnano a riconoscere reciprocamente l'approvazione dei prodotti cosmetici rilasciata dalle autorità di regolamentazione degli Stati membri. Il riconoscimento si riferisce solitamente alla

"l'uso di un certificato di prodotto registrato in base a quanto concordato, come base per le azioni normative, comprese le approvazioni o la riemissione delle approvazioni di registrazione del prodotto".

Sul campo, gli importatori, i produttori e i proprietari di marchi cosmetici sono tenuti a seguire le procedure stabilite dai singoli Stati membri per la registrazione e la notifica dei prodotti. Per questo motivo, l'Appendice IV della ACD è oggi nulla, poiché ogni Stato ha implementato i propri requisiti di vendita e importazione.

Valutazione della sicurezza 

La notifica deve essere inviata alle autorità competenti di ogni Stato membro per la maggior parte dei prodotti cosmetici. L'ASEAN ha proceduto a emanare agli Stati le "Linee guida per la valutazione della sicurezza dei prodotti cosmetici". prodotto cosmetico", così come lo standard uniforme per il file informativo sulle merci (Pif) che deve essere inviato come parte della notifica.

L'ASEAN non ha una posizione formale sulla sperimentazione animale; pertanto, ogni Stato membro ha il compito di definire le proprie politiche in materia. Inoltre, nell'Appendice VI della ACD si trovano le "Linee guida per le buone pratiche di fabbricazione dei cosmetici", che includono metodi per garantire che i prodotti siano controllati e fabbricati in modo sicuro e coerente.

Condividere sui social media

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × cinque =

ISO 22716 2017

Ottenere il nostro Ebook gratuitamente

Requisiti della norma ISO 22716

Le vostre informazioni non saranno mai condivise con terzi.