Incertezza di misura

Incertezza di misura
Senza categoria

Incertezza di misura

Se non si tiene conto dell'incertezza della misura, più grande è l'incertezza, maggiori sono le probabilità di superare i fallimenti e le bocciature. Quindi l'incertezza è legata alla quantità di fiducia. L'incertezza è legata a ogni test e calibrazione.

L'incertezza è molto probabilmente maggiore. Mentre designa un concetto generale, la sua misura quantitativa è chiamata incertezza standard. Ognuno di essi è collegato a una propria incertezza indipendente, che deve essere utilizzata insieme alle altre in modo matematico. in un senso che permetta di stimare l'incertezza della misura generale.

In fisica vengono creati molti tipi diversi di misure. È fondamentale essere onesti quando si riporta una misura, in modo che non sembri più accurata di quanto la strumentazione utilizzata per crearla consenta. È perfettamente possibile riportare una misura in modo accurato ed errato! La misurazione della forza con un trasduttore estensimetrico non è diretta.

Attuare la norma ISO 17025
Attuare la norma ISO 17025

Cosa bisogna sapere sull'incertezza di misura

L'incertezza non può essere evitata, ma può essere ridotta utilizzando un apparato "migliore". In realtà, è la cosa più importante che abbiamo. L'incertezza della conseguenza della misurazione riflette l'assenza di una comprensione esatta del valore del misurando.

L'incertezza riflette il dubbio sul risultato della misura. L'incertezza della misura è determinata anche da un termine chiamato intervallo di calibrazione. Ora che si conoscono i giusti mezzi scientifici per valutare l'incertezza di misura, consideriamo un altro modo.

Per ulteriori informazioni su come ottenere ISO 17025  accreditamento per il vostro laboratorio: http://www.qse-academy.com/iso17025version2017eng

Standard ISO ISO/IEC 17025 descrive i requisiti per la stima delle incertezze di misura.

Lo standard La norma ISO/IEC 17025 sottolinea il concetto di incertezza, in particolare nel campo delle analisi e delle prove, sia per quanto riguarda la sua valutazione, la sua menzione nelle relazioni sui risultati e il suo utilizzo per la dichiarazione di conformità.

La realizzazione nei laboratori di incontro di diversi livelli di difficoltà a seconda dei settori:

Per i laboratori di taratura accreditati, l'approccio è vecchio. Le azioni sono volte essenzialmente ad armonizzare gli approcci alla stima delle incertezze, sulla base dello studio della GUM (Guida Incertezze Misura) e del documento EA 4/02;

Per i laboratori di analisi o test, la situazione è molto più eterogenea, sia per l'eterogeneità dei settori di attività incontrati e dello scopo delle analisi o dei test (ad esempio, l'analisi in biologia medica da un lato, e il livello di emissione acustica degli apparecchi dall'altro), che per la disparità dei livelli di conoscenza in materia.

Inoltre, quando questi laboratori di analisi e prova realizzano le loro tarature, secondo la norma ISO/IEC 17025 (da standard di riferimento calibrati come indicato) devono avere una procedura per stimare l'incertezza delle misure di queste tarature.

  1. Indicazione dell'incertezza nei certificati di taratura 

Nella norma NF EN ISO/IEC 17025 si afferma che:

[...]

I laboratori devono sempre indicare nei certificati di taratura l'incertezza associata al risultato.

Nella norma NF EN ISO/IEC 17025 sono specificati i seguenti punti:

"Oltre ai requisiti elencati, i certificati di taratura devono includere i seguenti elementi, quando ciò è necessario per l'interpretazione dei risultati della taratura":

Quando si stabiliscono le dichiarazioni di conformità, si deve tenere conto dell'incertezza di misura.

  1. Indicazione dell'incertezza nei rapporti di prova 

Nella norma NF EN ISO/IEC 17025 si afferma che:

Oltre ai requisiti elencati, i rapporti di prova devono includere i seguenti elementi, quando ciò è necessario per l'interpretazione dei risultati delle prove:

[...]

  1. C) Se c'è posto, viene stimata una dichiarazione sull'incertezza di misura. L'informazione relativa all'incertezza è necessaria per i rapporti di prova quando è importante per la validità o l'applicazione dei risultati della prova, quando sono richieste le istruzioni del cliente o quando l'incertezza influisce sulla conformità ai limiti di una specifica.

[...]

L'interpretazione di questo paragrafo si riflette nel modo seguente:

L'incertezza associata al risultato deve essere indicata nei rapporti che i laboratori di analisi o test emettono, almeno nei seguenti casi:

Quando richiesto dal cliente, che è riconducibile al livello di revisione del contratto;

Quando il laboratorio ha previsto di rilasciare una dichiarazione di conformità in un rapporto sui risultati nel rapporto con i limiti di specifica che non incorporano già l'incertezza;

Quando lo standard o il metodo di analisi o di test menziona tolleranze da non superare o soglie da raggiungere, e queste tolleranze o soglie non tengono già conto dell'incertezza.

Nel caso in cui il metodo o la specifica si limitino a incorporare l'incertezza, il rapporto deve specificare la situazione a questo proposito.

Condividere sui social media

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − sedici =