GMP nell'industria cosmetica

Industria cosmetica GMP
ISO 22716

GMP nell'industria cosmetica

Condividere sui social media

Avete bisogno di imparare come essere conformi alle Buone Pratiche di Fabbricazione? Continuate a leggere per scoprire esattamente ciò che dovete sapere.

Le "regole" delle buone pratiche di fabbricazione, di per sé, sono state stabilite dall'Istituto per la sicurezza alimentare. ISO 22716. Il Regolamento (CE) n. 1223/2009 sui cosmetici stabilisce che tutti i cosmetici europei devono rispettare gli standard stabiliti dalle Buone Pratiche di Fabbricazione (GMP).

Ricorda:

Questo articolo riguarda il Standard GMP per i cosmeticinon per i prodotti farmaceutici. Questi standard sono completamente diversi e non sono oggetto di questo articolo.

Le basi degli standard GMP per i cosmetici.

GMP: Che cos'è?

Le GMP o Buone Pratiche di Fabbricazione sono linee guida create con l'esplicito scopo di organizzare una soluzione pratica per continuare a produrre cosmetici nello stesso modo, ogni singola volta, in modo sicuro. Le misure delineate nella guida assicurano che il processo di produzione, lo stoccaggio, il controllo e i protocolli di spedizione rimangano gli stessi, per garantire la qualità del prodotto ogni volta che viene riprodotto.

Obiettivi dei cosmetici GMP

Il Pratiche GMP per i cosmetici hanno obiettivi molto specifici che sono descritti nella loro guida. Essi comprendono:

  • La convalida del sistema di gestione aziendale è conforme a tutti i regolamenti e alle norme associate al regolamento europeo sui cosmetici.
  • Assicurarsi che abbiano accesso al mercato europeo

Ricordate: Le norme GMP per i cosmetici riguardano la qualità complessiva del prodotto. Non riguardano la protezione dell'ambiente o la sicurezza dei dipendenti.

Parti interessate coinvolte nelle GMP

Le parti interessate alle GMP sono quelle coinvolte nella produzione, nello stoccaggio, nel controllo e nella spedizione dei prodotti. Queste parti interessate sono solitamente i produttori, gli importatori, gli esportatori e/o i distributori di prodotti.

Regolamento cosmetico 1223/2009 con le GMP

Il GMP è richiesto dal Regolamento europeo 1223/2009che a sua volta fa riferimento allo standard ISO 22716. Questa richiede ai produttori di creare una dichiarazione di conformità per il loro stabilimento di produzione, nel loro Product Information File (PIF).

Linee guida dello standard ISO 22716 e GMP

Lo standard ISO 22716 è stato creato per mantenere uno standard di riproducibilità e qualità nel mercato europeo, per quanto riguarda la produzione di cosmetici. Tutti i cosmetici venduti in questo mercato devono soddisfare gli standard GMP e il Regolamento 1223/2009.

Di seguito, EcoMundo riassume per voi alcuni punti della norma ISO 22716, relativi alle misure che dovranno essere adottate o mantenute per rimanere in regola con le GMP.

Ricordiamo che questo è un elenco sintetico degli standard. Per leggere un elenco completo e dettagliato, consultare la pubblicazione ufficiale ISO 22716 per essere completamente informati sulle linee guida da seguire.

  • Personale

Il personale dell'azienda deve essere organizzato e strutturato in modo chiaro, per evitare qualsiasi confusione sui suoi compiti ufficiali. Tutte le responsabilità e il lavoro che svolgono durante la produzione, lo stoccaggio, il controllo e la spedizione dei prodotti realizzati dall'azienda devono essere chiaramente definiti. Ciò significa che tutti i membri del personale devono essere adeguatamente formati nelle competenze appropriate e devono avere nel loro fascicolo una documentazione esplicita che lo attesti, per quanto riguarda la produzione di prodotti cosmetici.

  • Locali

Quando si tratta di locali aziendali, devono osservare chiaramente le seguenti linee guida:

-Assicurarsi che il prodotto sia protetto

-Assicurarsi che tutti i materiali siano sottoposti a regolare manutenzione, pulizia o sanificazione.

-Assicurarsi che il prodotto e le materie prime non siano mescolati e/o contaminati.

-Assicurarsi che tutte le operazioni interne riprendano come devono con i prodotti e i materiali

  • Attrezzatura

L'attrezzatura aziendale deve essere progettata per svolgere i seguenti compiti:

-Assicurarsi che non si verifichi alcuna contaminazione del prodotto (questo include anche la spedizione, anche quando il prodotto viene spostato tra i magazzini).

-Assicurarsi che le strutture siano regolarmente pulite e igienizzate.

-Assicurarsi che gli strumenti e le macchine siano regolarmente ricalibrati e sottoposti a manutenzione.

  • Materiali e imballaggi

Quando acquistano materie prime e imballaggi tramite altri fornitori, le aziende devono seguire linee guida rigorose in materia di qualità. Il passo successivo deve essere quello di creare un'ottima catena di fornitura con una comunicazione costante, in modo che le informazioni circolino liberamente e che, in caso di problemi, questi possano essere risolti all'istante. L'acquisto e la ricezione nei negozi si baseranno su linee guida molto rigide (etichettatura accurata, nomenclatura molto rigorosa e verifica) e saranno consentiti solo a dipendenti specificamente formati. Per quanto riguarda l'acqua utilizzata per i test, la sua qualità sarà garantita da analisi specifiche.

  • Produzione

Se si vuole creare un prodotto cosmetico di grande qualità, è necessario adottare misure rigorose per quanto riguarda il processo di produzione. Queste misure comprendono:

-Creare un'accurata e specifica documentazione per quanto riguarda la produzione del prodotto, fino alle materie prime, all'attrezzatura e alla formula

-specificare la qualità controllo punti

etichetta e numerare ogni lotto accuratamente a fini di identificazione

-Assicurarsi di controllare il calibrazione e pulizia di qualsiasi attrezzatura utilizzati per la fabbricazione del prodotto, prima di iniziare il processo di fabbricazione

Cosmetici GMP
Implementare la norma ISO 22716
  • Prodotto finale

La qualità del prodotto deve durare non solo durante il processo di produzione, ma anche durante lo stoccaggio, la restituzione e la spedizione.

Per mantenere questo standard, è necessario sviluppare criteri rigorosi prima della vendita del prodotto.

Le regole di conservazione impongono inoltre che i lotti siano etichettati e conservati in modo diverso tra i resi, i lotti in quarantena e qualsiasi altro lotto. Ciò può essere ottenuto mediante un'etichettatura specifica.

  • Trattamento fuori specifica e deviazioni

Utilizzare il controllo qualità per assicurarsi che tutti i prodotti, le materie prime o gli imballaggi che non soddisfano gli standard vengano scartati prima di essere spediti per la vendita. Gli articoli che non soddisfano gli standard saranno distrutti o riciclati.

Se si verifica una deviazione rispetto a questo protocollo, essa deve essere documentata e giustificata, in quanto le deviazioni possono portare a un declino generale della qualità.

  • Rifiuti

I diversi tipi di rifiuti devono essere identificati e smaltiti correttamente dall'azienda. Dovrebbe inoltre essere una divisione completamente separata, senza alcun legame con le aree di produzione o di controllo.

  • Subappalto

Ogni volta che un'azienda subappalta un lavoro specifico (test, confezionamento, disinfezione, ecc. del prodotto), deve creare un accordo in cui il subappaltatore si attenga alle linee guida delineate nello standard GMP e/o ISO 22716.

  • Richiami e reclami

Tutte le richieste di risarcimento devono essere esaminate secondo il seguente protocollo:

-che sono state adottate misure preventive contro le recidive

-I lotti coinvolti sono stati verificati

Tutti i richiami devono essere effettuati da personale specificamente formato. Se si ritiene che un richiamo possa comportare problemi di salute per i consumatori, è necessario avvertire le autorità. Tutti i lotti ritirati devono essere messi da parte ed etichettati fino a quando non si giunge a un verdetto.

Se è coinvolto un subappaltatore, la decisione sul processo deve essere presa e concordata da entrambe le parti.

  • Cambiamenti di gestione

Qualsiasi modifica che possa influire sulla qualità deve essere approvata e documentata da personale specificamente addestrato.

  • Audit (interni) e servizio

Per rimanere conformi alle GMP, in ogni azienda devono essere effettuati audit interni. Questi controlli vengono effettuati dal servizio qualità dell'azienda, che ha il compito di assicurarsi che tutte le linee guida dello standard ISO 22716 vengano eseguite correttamente e di apportare correzioni a ogni passo falso all'interno dell'azienda.

Gli audit esterni da parte di terzi non sono obbligatori.

  • Documentazione

È necessario implementare un sistema di documentazione aggiornato per documentare qualsiasi attività relativa alla produzione, alla conservazione, al controllo e alla spedizione di tutti i prodotti cosmetici realizzati dall'azienda. La documentazione può essere costituita da protocolli, metodi o istruzioni.

Tutta questa documentazione deve essere accessibile a tutti, aggiornata e firmata regolarmente.

Per essere conformi alle Buone Pratiche di Gestione, è necessario seguire queste linee guida. Per una guida più dettagliata alle norme da seguire per mantenere la vostra azienda conforme, leggete la pubblicazione completa della norma ISO 22716.


Condividere sui social media

Lascia qui il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISO 22716 2017

Ottenere il nostro Ebook gratuitamente

Requisiti della norma ISO 22716

Le vostre informazioni non saranno mai condivise con terzi.